Retroauricolari (BTE)

La scelta giusta

Il classico modello retroauricolare (BTE) è la scelta giusta per chi soffre di perdite uditive importanti o se il condotto uditivo è molto stretto, tale da non consentire l’inserimento di un apparecchio.


Nel modello BTE, tutte le componenti elettroniche sono posizionate in un guscio che si indossa dietro il padiglione auricolare.


Il suono amplificato giunge nell’orecchio tramite un sottile tubicino siliconico collegato, ad una estremità, alla chiocciola.
Anche i controlli per regolare manualmente volume ed i programmi di ascolto si trovano alla parte superiore dell’apparecchio, in modo da essere facilmente accessibili.


In base al modello scelto, gli apparecchi retroauricolari possono essere applicati anche con la soluzione “Open” . Questo significa che se le frequenze gravi sono ancora udibili, l’auricolare sarà realizzato in modo da consentire a una parte dei suoni circostanti di arrivare comunque al timpano. Così l’apparecchio interverrà soltanto sulle frequenze acute, mentre le gravi saranno normalmente amplificate dall’orecchio.